L’utopia di bambù

Il labirinto è uno dei temi presenti nella letteratura da sempre, basti pensare infatti a quello intricato eretto da Dedalo per il Re Minosse in cui si narra fu rinchiuso il Minotauro. Il labirinto è presente nell’animo umano come un’istanza radicata che non trova soluzione, prendendo l’aspetto della lotta per restare in equilibrio tra la voglia di perdersi per dimenticare tutto, e la paura di non ritrovare l’uscita. Franco Maria Ricci sembra dare forma a questo conflitto interiore e paradossale costruendo un dedalo verde a Fontanellato la cui apertura è prevista per novembre 2013. Le dimensioni sono davvero notevoli: 300 metri per lato e tre chilometri di sentieri che si snodano all’ombra di cupole vegetali di bambù alte cinque metri. Le piante provengono dalla Liguria, dalla regione francese di Anduze e dalla Cina e in poco tempo hanno avuto modo di adattarsi e moltiplicarsi. Il labirinto fungerà da nucleo all’interno del parco culturale composto da un museo, un ristorante, una libreria e uno spazio per mostre temporanee. All’interno delle suites figurano opere d’arte uniche create da artisti dal calibro di Gian Lorenzo Bernini, Antonio Canova, Francesco Hayez e Ludovico Carracci solo per citarne alcuni. L’idea che ha ispirato il parco miscela sapientemente il carattere serioso dell’iniziativa culturale alla chiassosità del parco giochi pieno di panchine, gelatai, musicisti e la chicca della sfida del labirinto. La struttura naturale di Fontanellato è “figlia” di due mosaici romani che hanno scatenato l’inventiva di Franco Maria Ricci, visti al Kunsthistorisches Museum di Vienna e al Museo del Bardo di Tunisi, nonché delle conversazioni intrattenute con Italo Calvino, Roland Barthes e Jorge Luis Borges. L’utopia definitiva attraversa la fase di progettazione a partire dal 2004 e la messa in opera comincia nel 2007: sembra quasi che l’ex editore non voglia restare confinato in quel ruolo, ma voglia lasciare una sorta di testamento grandioso interpretando uno dei nostri conflitti interiori più devastanti e affascinanti al tempo stesso.

Testo di Mauro Pinto

Link Utili

Fontanellato Turismo

Comune di Fontanellato

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.